giovedì 25 gennaio 2018

Mussolini maestro elementare a Tolmezzo,

E' arrivato finalmente nelle edicole il mio ultimo romanzo "Il Maestro di Tolmezzo". E' un romanzo storico. Il risultato quindi di ricerche che ho fatto nell'Archivio comunale di Tolmezzo e rileggendomi tutti i giornali del tempo. Ma poi ho dovuto  supplire con la fantasia alla mancanza di documenti, avendo sempre come metro "il verosimile".
Il romanzo ricostruisce un presunto diario scritto dal maestro. Presunto, ma probabile perchè Benito amava tenere il diario ed è tradizione che a Tolmezzo ne abbia lasciato uno all'amante Luigia. Per lo stile, mi sono richiamato al romanzo d'appendice che ha scritto a Trento, l'anno dopo aver lasciato Tolmezzo, intitolato "L'amante del Cardinale", Per i contenuti di carattere politico filsofico e religioso mi sono rifatto al libro "L'uomo e la divinità: Dio non esiste" scritto in Svizzera due anni prima di arrivare a Tolmezzo. Anche la foto sgarruffata della copertina è quella segnaletica che gli è stata fatta in carcere in Svizzera e quindi risale a quegli anni, Rende bene l'idea dell'atteggiamento  da "socialsta rivoluzionario" del giovane maestro, che ha reso problematica la sua accoglienza in una società conservatrice e bigotta come quella della Tolmezzo dell'inizio del Novecento. Sembrerebbe completamente di fantasia la sua storia d'amore dalla quale sarebbe nato un figlio. Tuttavia a Tolmezzo si è sempre saputo che il maestro aveva lasciato un figlio. Ma chi? Nel mio romanzo, c'è una risposta nuova, che rivaluta e nobilita il personaggio del giovane maestro. Arrvando alla fine del romanzo il lettore credo resterà convinto che anche questa ipotesi è più che verosimile. Buona lettura e Grazie anticipate per gli eventuali commenti, graditi anche se critici.

Nessun commento: